Riders

  • SAVE THE DATE: 8-9 Luglio a Balmuccia (VC) Valsesia River Meeting & DragoRossi Days

    monrosa rafting sesia river meeting

    Cari amici,

    segnatevi sul calendario il weekend dell’8-9 luglio: doppio appuntamento a Balmuccia con il Valsesia River Meeting e i DragoRossi Days!

     

    DragoRossi Days

    Ormai da qualche anno, il Valsesia River Meeting è un’occasione per provare gratuitamente tutti i modelli delle canoe test della DragoRossi. Ma non è finita: durante tutto il weekend i ragazzi del team DragoRossiorganizzano una serie di discese organizzate e di clincs gratuiti rivolti a canoisti di tutti i livelli, purché autonomi in fiume. Per partecipare non c'è bisogno di prenotazione, ma è sufficiente presentarsi alla nostra base negli orari indicati.

  • 30° Campionato Italiano di Rafting: il nostro equipaggio tra i vincitori!

    rafting campionati

    Cari amici,

    come alcuni di voi sapranno, il Centro Canoa Rafting Monrosa, in collaborazione con tutti gli altri centri rafting della Valsesia, lo scorso weekend ha organizzato il 30° Campionato Italiano Rafting.

    La manifestazione, indetta dalla Federazione Italiana Rafting, si è svolta interamente sulle rapide del Sesia e ha visto confrontarsi gli agguerriti equipaggi, provenienti da tutta Italia, in quattro prove: Sprint, Testa a Testa, Slalom e Discesa classica.

    Naturalmente anche noi del MonrosaTEAMabbiamo partecipato, formando un equipaggio di Guide Rafting – Piero Arcostanzo, Diego Montero, Freddy Chavez, Pino Cannas, Vladimiro Caminiti - e gareggiando nella categoria atleti non agonisti.

  • #paddlelikeagirl: perché non esistono “sport da uomini”

    addio al nubilato in rafting

     

    Ladies and... ladies,

    diamo ufficialmente il via alla nostra campagna #paddlelikeagirl, un’iniziativa per avvicinare sempre più donne e ragazze come noi agli sport fluviali. 

    In questi 27 anni di attività abbiamo visto sempre più ragazze avvicinarsi al magico mondo del rafting, alcune delle nostre guide migliori sono donne e sempre più spose decidono di festeggiare con noi il loro addio al nubilato… ma c’è ancora tanta strada da fare!

    Per questo, nell’occasione della festa della donna abbiamo pensato a una promozione solo per voi:

    fino all'8 marzo con il codice PADDLELIKEAGIRL2017 avete diritto a uno sconto di 10 euro su tutte le nostre attività. 

  • 5 posti dove lavorare come Guida Rafting questo inverno

    guida rafting lavoro invernale

     

    Cari amici,

    Da un articolo di Juniper Rose per RapidMedia

    Acque turchesi, canyon tropicali, un viaggio internazionale nei fiumi più rinomati del mondo – è di questo che sono fatti i sogni degli appassionati di #whitewater. Per la maggior parte delle Guiderafting, tuttavia, una vacanza dall’altra parte del mondo è probabilmente fuori budget.

    Quindi… perché non fare un’esperienza del genere lavorando?

    Perla maggior parte delle guide rafting, la fine dell’estate spesso significa appendere la pagaia al muro, tornare a scuola, iniziare un lavoro d’ufficio o cercare di lavorare in qualche resort montano. Ma non deve per forza essere così: in alcuni fiumi si lavora anche di inverno, e se è vero che trasformare la propria vita in un viaggio continuo tra le due parti del mondo può spaventare all’inizio, “seguendo il sole” puoi trasformare il lavoro da Guida in molto più di un lavoro estivo.

    Ecco 5 paradisi tropicali in cui cercare lavoro quando in Europa arriva l’inverno!

  • Concorso Video GoPro!

    concorso gopro video rafting

     

    Cari amici,

     

    negli ultimi anni avete condiviso con noi moltissimi video delle vostre discese e per questo quest’anno abbiamo deciso di premiarvi con un concorso dedicato!

     

    Partecipare è semplicissimo:

    1. Se non lo hai ancora fatto, metti like sulla nostra pagina Facebook

    2. Condividi il video della tua discesa sulla nostrapagina Facebook

    3. Invita i tuoi amici a mettere like sul tuo video!

     

    Hai tempo fino alle 21:00 del18 settembre! Sarà proclamato vincitore il video che sarà riuscito a raggiungereil numero maggiore di like, ed il suo ideatore riceverà in premiouna discesa (di un attività a piacere) per 4 personeda svolgeresabato 24 o domenica 25 settembre, festeggiando con noi la fine della stagione 2016.

  • Campionato Italiano Rafting: complimenti a tutti!

    campionato italiano rafting in valsesia

    Cari amici,

    come molti di voi sapranno, sabato 7 e domenica 8 maggio si è conclusa la tappa valsesiana del Campionato Italiano Rafting.

    La giornata, organizzata del nostro Centro insieme ad Accadueo Feel River Valsesia A.S.D. ed Eddyline A.S.D. con la collaborazione della Federazione Italiana Rafting, ha visto equipaggi di tutta Italia confrontarsi nelle discipline di Rafting Sprint e Discesa Classica.

    Ecco i vincitori:

    Categoria Senior Femminile: equipaggio del Sesia Rafting di Vocca (Vercelli);

    Categoria Senior Maschile: equipaggio dell'Eddyline UH! Team di Campertogno (Vercelli);

    Categoria Master Maschile: equipaggio di Sesia Rafting 2 di Vocca (Vercelli);

    Categoria Atleti non Agonisti: equipaggio del Centro Canoa e Rafting Monrosa di Balmuccia (Vercelli).

  • Discesa guidata sull’Alpine Sprint!

    Alpine sprint  

    Ciao ragazzi!

    Vi ricordate la lunga serie di discese guidate che abbiamo organizzato la scorsa estate in Valsesia? Il tratto Piode-­Scopello: discesa guidata in canoa!  e la settimana intera di Discese guidate di mezza estate ad agosto? E’ tempo di ricominciare!

    Era stata da tempo annunciata ed è giunta l’ora della discesa guidata sull’Alpine Sprint (eh sì si scrive AlpinE non Alpin come anche io credevo prima di parlare con un inglese…)!

    Domenica 21 giugno dalle ore 10.00 il Monrosa TEAM condurrà la discesa su uno dei tratti più belli e tecnici della Valsesia.

  • 5 cose che ho imparato andando in canoa con mia figlia

    in canoa con i figli  Liberamente tratto da 5 things I have learned from kayaking with my daughter, di Bobby Miller – pubblicato su Canoe & Kayak Magazine


    “Vado in Kayak con mia figlia di tre anni, Sahalie, sin da quando lei aveva un anno e non c'era gioia più grande di condividere il fiume con lei. Dal momento in cui è nata ho sperato che avrebbe voluto farmi compagnia sul fiume. Ero così contento quando abbiamo cominciato a fare escursioni in fiume insieme, e sono ancora più eccitato del fatto che col passare del tempo lei sembra amarle sempre più. Qui trovate qualche lezione che ho imparato dalle mie gite con lei.

    1. Comincia piano e passa ad acque gradualmente più difficili - Ho iniziato galleggiando su acqua piatta, per dare modo a Sahalie di abituarsi ad essere in un kayak. Poi siamo passati a flussi di prima classe , che abbiamo ripetuto molte volte nella prima estate. Quando lei è cresciuta un poco, abbiamo cominciato a fare fiumi di seconda classe. Sin da quando siamo passati al kayak doppio, abbiamo eseguito qualche rapida approcciando la terza classe di difficoltà. Lei era molto contenta di essere in acque di terza classe di difficoltà e ha cominciato a chiedermi di portarla in una cascata! Ovviamente, in quanto genitore, devi rimanere in acque del livello in cui sei tranquillo a pagaiare col tuo bambino.

    2. Prepara tuo figlio alla possibilità che qualcosa vada storto - Diversi canoisti appassionati migliorano il loro livello di informazione e seguono corsi di sicurezza per prepararsi a quel momento in cui le cose potrebbero andare male. Prepara tuo figlio alla possibilità di un bagno nelle rapide iscrivendolo/a a un corso di nuoto. Uno dei prerequisiti che mia moglie, Melissa, e io abbiamo stabilito con Sahalie, è che lei deve saper nuotare prima di passare alla terza classe di rapide. Nonostante sia improbabile che finirà a nuotare, è importante essere preparati aiutando i bambini ad essere a loro agio in acqua.

    3. Ottieni tutto l'equipaggiamento necessario per portare tuo figlio in fondo al fiume - Le nuove canoe (lunghe 12 piedi) sono molto comode per far sedere un bambino piccolo nell'abitacolo con te. La maggiore lunghezza e il bilanciamento di queste canoe si adatta alla maggior parte delle acque, così il tuo bambino non si bagna continuamente. La loro forma garantisce anche stabilità e facilità di manovra che rendono molto bello andare su piccole rapide senza paraspruzzi. Se vostro figlio è un po' più grande e pronto per un po' più di indipendenza, potresti prendere un kayak da due persone (o, come lo chiama Sahalie, "la canoa papà-figlia"). In tutta onestà, mi sembra che la soglia per il kayak doppio sia piuttosto alta, e che questo tipo di canoa potrebbe esservi utile quando affronterete la terza classe e andrete oltre. Quando vostro figlio/a è pronto per avere una sua canoa, ci saranno molte opzioni.

    4. Andate in nuovi posti e vedete cose nuove - La discesa locale può essere un buon posto per cominciare, ma probabilmente ci sono decine di posti diversi tra cui scegliere nell'arco di due ore dal posto in cui vivi. Ho provato a mixare vari posti e a fare qualche gita in aree nuove. Rendi la canoa un' avventura, e ogni gita speciale. Fai una lista di bei posti che vorresti visitare e poniti l'obiettivo di andare in ognuno di questi. Raggiungere questi obiettivi è un' esperienza di grande vicinanza tra genitori e figli, e insegna anche lezioni di vita di grande valore. Se ti piacciono le gare, ce ne sono diverse molto semplici a cui potresti partecipare con tuo figlio. Per il prossimo anno sto programmando la partecipazione con Sahalie alla Tim Gavin Downriver Race sul fiume Shenandoah, in West Virginia.

    5. Incoraggia l'amore per l'acqua - Sahalie ha sempre amato l'acqua, anche se si trattava solo di tuffarsi nella vasca da bagno o di nuotare nella piscina cittadina. Se tuo figlio ama l'acqua, lui o lei vorrà naturalmente fare più attività acquatiche. Rendi il tempo sul fiume il più divertente possibile. Fermati a nuotare, lancia sassi sul fiume, salta fra le rocce, schizzatevi l'un l'altro, usate giocattoli acquatici. In fondo andare in canoa è celebrare l'amore per l'acqua, quindi rendi il tuo tempo divertente! Ricorda, tuo figlio non sarà preoccupato della destinazione, sarà concentrato sul godersi il viaggio!

     

  • Perché tutti dovrebbero andare in canoa

    Kayak Valsesia MonrosaDa un articolo di Laura Farrell sul blog del team dagger, ecco un elenco delle ragioni per cui tutti - ma proprio tutti! - dovrebbero andare in canoa.

    "Di recente molte persone mi hanno chiesto perché vado in canoa. In particolare, volevano sapere che cosa esattamente del kayak lo rendeva così speciale, al punto da farmi desiderare di costruirivi la mia vita intorno. Dopo aver risposto a questa domanda un certo numero di volte, ho cominciato a interrogarmi su quali siano davvero le ragioni per cui penso che andare in canoa sia così una figata.

    Chiunque può farlo. Con la versatilità che caratterizza l'universo della canoa oggi, davvero chiunque può parteciparvi. Tra kayak da mare, da turismo e da alto corso, quando si parla di andare in canoa ce n'è per tutti. Quindi anche se è un periodo in cui non sei tanto in forma, o vuoi fare qualcosa con tuo figlio, fintanto che hai la barca corretta puoi stare certo che passerai una bella giornata.

    E' un buon allenamento. Continuando sulla stessa lunghezza d'onda, pagaiare è un'attività che prevede un tipo di esercizio fisico che può essere fatto da tutti, nei modi e con l'intensità che si preferisce. Da pigre pagaiate sul lago a traversate dell'Atlantico, tutto può essere fatto in canoa!

  • Come sopravvivere alle pagaiate invernali

    Canoa inverno ValsesiaLiberamente tradotto da: "How to survive winter paddling", ecco un piccolo manuale per la sopravvivenza alle gite in kayak d'inverno.

    Con l'occasione, per le volte in cui avete voglia di andare in canoa ma un po' meno di pagaiare sotto zero, vi ricordiamo che ogni lunedì sera il @MonrosaTEAM vi aspetta in piscina al Quanta Sport Village... AL COPERTO!!

    1. Consulta il tuo medico prima di darti a questa folle attività. Potrebbe richiederti di sottometterti a un esame psichiatrico... vai tranquillo, puoi passarlo.

    2. Prima di abbandonare il calduccio della tua dolce dimora, ricordati di portare con te la GoPro: ti verrà sicuramente voglia di dimostrare ai tuoi amici che in fin dei conti sì, sei un pazzo

    3. Lascia la macchina accesa, con il riscaldamento a palla. Chiaro, si spreca benzina... ma non durerà a lungo, fidati!

    4. Cambiati rigorosamente in macchina.

    5. NON finire a bagno.

    6. Se finisci a bagno, NON nuotare. L'acqua d'inverno è gelata, il che significa che presto lo sarai anche tu

    7. Se proprio vuoi darti al rodeo, tieniti sul facile. Cimentarsi in Loop e McNasty significherebbe immergere la propria faccia nell'acqua gelata - cosa che ovviamente tutti farete perché noi canoisti sì che siamo veri riders.

    8. Se quando esci dal fiume ti sentirai il sosia dell'Uomo delle Nevi, non preoccuparti. Ritrovarsi il casco pieno di ghiaccio e le stalattiti sulla barba è parte del divertimento. Al contrario, è il momento buono per farti un sacco di selfie idioti da spammare su Facebook.

    9. Prima di spogliarti, aspetta ti si sciolga il ghiaccio dalla faccia e dall'attrezzatura altrimenti rischi di tagliuarti in faccia o di rompere l'attrezzatura: nessuna delle due opzioni è particolarmente divertente.

    10. Torna a casa, stendi la tua attrezzatura e... preparati per la pagaiata del giorno successivo.

  • Gole del Sesia: boof di fine stagione!

    Gole del SesiaCiao ragazzi!

    Chi l’avrebbe mai detto, ma... dopo il corso intensivo di salvamento fluviale, la giornata attenti al buco, e la discesa guidata sul tratto Piode-Scopello qui al MonrosaTEAM ci siamo affezionati a queste giornate in compagnia all’insegna della canoa.

    Per chiudere la stagione in bellezza, abbiamo pensato di organizzare domenica 14 settembre, dalle 10.00, un’ultima discesa guidata nelle gole del Sesia. Come qualcuno saprà, le gole sono un tratto perfetto per canoisti di ogni livello ed in particolare sono molto adatte a chi volesse migliorare nel boof, essendo caratterizzate da passaggi corti e potenti seguiti da laghetti tranquilli. Neanche i più esperti si annoieranno: la rapida d'ingresso (detta anche "rapida della vergogna") è molto impegnativa e metterà alla prova anche i più arditi! Le rapide successive ("imbuto" e "lavatrice"), invece, saranno una palestra perfetta per i boof, permettendo a tutti di esercitarsi.

    Proprio grazie a questa struttura rapida-lago, la discesa è adatta a canoisti di ogni livello e gli istruttori del MonrosaTEAM si preoccuperanno come al solito di far sì che la giornata si svolga all'insegna del divertimento e in massima sicurezza.

    Vi aspettiamo numerosi e carichi come sempre!

  • Discese guidate di mezza estate

    Kayak di mezza estateCiao a tutti,

    arriva agosto e si va in vacanza!!!

    Per chi ha deciso di dedicare qualche giorno al kayak, il Monrosa Team tra il 9 ed il 17 agosto ha in programma un fitto calendario di discese guidate.

    I maestri di canoa Piero Arcostanzo e Paolo Longoni saranno disponibili per accompagnare gruppi di canoisti sui vari tratti del Sesia o degli affluenti, che quest’anno garantiscono ottimi livelli e grande varietà di percorsi.

    Il principale obiettivo sarà promuovere un modo di andare in canoa in sicurezza, studiando le rapide ed utilizzando le opportune tecniche per ridurre al minimo il rischio.

    Lo splendido scenario della Valsesia e la base logistica del Monrosa, saranno il costante riferimento per i vostri appuntamenti canoistici o ricreativi.

    Sulla base degli idrometri e della preparazione tecnica dei partecipanti saranno concordate le varie possibilità di discesa.

    Per maggiori informazioni e per prenotare, contattare la segreteria del Monrosa 0163-75298

    Il prezzo individuale sarà sempre 20 euro, con un numero minimo di 3 partecipanti!

  • Piode-­Scopello: discesa guidata in canoa!

    Piode Scopello canoaCiao ragazzi!

    Vi siete diveriti con il MonrosaTEAM durante il corso intensivo di salvamento fluviale e la giornata attenti al buco?

    Dato il successo delle precedenti edizioni, abbiamo pensato di continuare questa felice serie di giornate dedicate alla canoa con un nuovo appuntamento: una discesa guidata sul tratto Piode-Scopetello.

    La giornata sarà il 27 luglio, dalle 9.30 alle 15 circa.

    Per chi non lo conoscesse, si tratta di uno dei tratti più emozionanti del fiume Sesia: in più, come "chicca" della giornata i partecipanti avranno la possibilità di misurarsi con il mitico salto di Piode!

    La giornata è aperta ad appassionati canoisti di diverso livello: non ci sono requisiti "rigidi" per partecipare, ma è richiesta una certa autonomia in canoa. Per avere un’idea: se siete abbastanza tranquilli sul tratto gara del Sesia e avete voglia di fare un passo in più... è la giornata perfetta per voi! Non esitate a contattarci se pensate di volere maggiori informazioni o chiarimenti.

    Vi aspettiamo numerosi!

  • Attenti al... buco!

    Kayak ValsesiaCiao a tutti!

    Vi ricordate la bella nuotata che abbiamo fatto al corso intensivo di sicurezza fluviale? Questa volta riproveremo in un bel... buco!

    La giornata sarà il 13 luglio, dalle 10.00 alle 15.00

    L’idea è di dedicare una mezza giornata piena ad affrontare il buco! Quella cosa misteriosa che spaventa molti canoisti... mi spiego meglio per chi potrebbe fraintendere il tutto e buttarsi a pesce...

    La giornata ha come obiettivo quello di mostrare e provare le varie tecniche per affrontare un buco, sia in canoa che a nuoto, perciò ci si concentrerà sul boof, sul nuoto in un buco per cercare di uscire da soli, su come recuperare un compagno che è rimasto in un ritorno. Si miglioreranno perciò sia le abilità canoistiche che quelle di nuoto e tiro con la corda.

    La giornata è aperta a tutti, cercheremo a seconda dei livelli una rapida che dia la possibilità di essere raggiunta senza dover per forza affrontare rapide eccessivamente difficili in modo da non escludere i meno sicuri in canoa (probabilmente il ferro di cavallo del tratto Piode-Scopello o il giancarlo sul Sermenza)

    Non mancherà inoltre una discesa guidata in canoa per poter migliorare anche nella tecnica generale. Per chi non è avvezzo al boof non preoccupatevi: sceglieremo un posto facilmente affrontabile!

    Vi aspettiamo numerosi e... buoni boof!

  • Mondiali di… canoa!

    Mondiali di CanoaPer quanto l'attenzione dei più sia concentrata sui mondiali di calcio, come alcuni di voi sapranno, sabato 14 giugno si sono conclusi anche i Campionati del Mondo di canoa discesa, iniziati il 9 giugno nelle acque del fiume Adda

    Ottimi i risultati degli italiani:

    Femminili
    Costanza Bonaccorsi (classe 1994) vince la medaglia d’oro nel K1 femminile (43.380), guadagnandosi il titolo di campionessa del mondo. Dietro di lei la francese Charlene Le Corvaisier e la transalpina Sistine Malaterre.
    Un secondo oro va alla diciassettenne Chiara Carbognin, prima classificata nel C1 femminile (40.080). Dopo di lei la francese Marjolene HEcquet (40.550) e la ceca Radka Valikova (40.850). Quarto posto invece per l’altra azzurra in gara, Marlene Ricciardi (41.920).
    Le nostre ragazze si distinguono anche nel K1 femminile a squadre (50.230), dove il team composto da Costanza Bonaccorsi, Beatrice Grasso e Viola Risso guadagna il terzo posto. L'oro va invece alla Germania di Fuesser, Overbeck e Stoeberl (49.890), seguire al secondo posto dalla Francia di Le Corvaisier, Hostens e Malaterre (50.220).
    Maschili
    Un'importante vittoria per l'Italia anche nel K1 maschile a squadre (43.230) dove ad aggiudicarsi il terzo posto è il team composto da Mariano Bifano, Davide Maccagnan e Pierpaolo Bonato. L’oro va invece alla Slovenia di Znidarcic, Debeljak e Urankar (42.740), che si posiziona davanti alla Repubblica Ceca di Hala, Mruzek e Slovak (43.050).
  • Corso intensivo di sicurezza fluviale

    Corso intensivo di sicurezza fluvialeQuand’è l’ultima volta che vi siete esercitati a nuotare in fiume o a tirare la corda? Eh, già.

    Proprio per questo motivo al Centro Canoa e Rafting Monrosa abbiamo deciso di organizzare domenica 8 giugno una giornata dedicata alla sicurezza in fiume.

    So bene che in questo preciso momento un diavoletto nella tua testa sta dicendo "Si ma... invece di fare il corso potresti andare in canoa un giorno in più..." ma mantenersi in aggiornamento ed allenati anche sul salvamento è una componente importante dello sport che pratichiamo, e che sarebbe bello poter praticare con sempre meno rischi.

    Il corso, tenuto da Guide qualificate F.I.Raft dura un solo giorno appunto per poter permettere a tutti di partecipare e lasciando in ogni caso il sabato libero per eventuali discese.

    Programma della giornata

    ore 9.00
    ritrovo presso il Centro Canoa e Rafting Monrosa a Balmuccia (VC)
    - introduzione e presentazione del corso
    - esercizi a terra: basi del primo soccorso, lancio della corda a secco, teoria sul recupero con imbrago
    ore 11.00
    spostamento in riva al fiume in zona appositamente designata
    - nuoto in fiume
    - lancio della corda al pericolante in corrente
    - recupero con imbrago
    - simulazione dell’incastro di piede e recupero con doppio imbrago
    ore 17.00
    ritorno al Centro Canoa e Rafting Monrosa con doccia calda

    Materiale necessario

    Ciascun partecipante dovrà portare con sé:
    - abbigliamento termico (muta o pantaloni stagni, giacca d’acqua e maglia termica): tenete presente che staremo molto in acqua perciò meglio stare caldi!
    - casco e salvagente
    - corda da lancio con moschettone
    - scarpe adatte sia a spostarsi agilmente sui sassi sia al nuoto in fiume
    - facoltativo: paraspruzzi, canoa e pagaia nel caso si scelga di raggiungere in canoa la zona in cui si svolgeranno le esercitazioni pratiche; in caso contrario l’avvicinamento potrà essere fatto con i mezzi a discrezione di ciascun partecipante.

    Info e prenotazioni

    Costo a persona: 20 €

    Per ulteriori informazioni o per prenotare contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure telefonicamente al +39 348 8463776 (Davide Longoni)

  • 7 consigli per uscire con un canoista (e sopravvivergli)

    Canoa in ValsesiaLiberamente tratto da: "How to Date a Kayaker: A Guide to Outdoor Whitewater Bliss" di Ashley Woodring, fidanzata da ormai cinque anni con Chris Gragtmans.

    1) Se cerchi un fidanzato ricco: stai alla larga dai canoisti.
    Prendine atto: il kayak è uno degli sport meno retribuiti, anche a livello di top-atleti. Nella maggior parte dei casi, il meglio che tu possa sperare è di avere uno sponsor che finanzi il tuo viaggio. E questo se sei moooolto fortunato.

    2) Smettila di interrogarti sulle condizioni meteorologiche: sei fregata in ogni caso.
    Non si capisce bene perché, ma sembra sia sempre un buon giorno per andare in canoa. Se fuori c’è il sole, "è una giornata meravigliosa per andare in canoa!"; se piove come Dio la manda, "uao, c’è un sacco d’acqua". Insomma: sei fregata 365 giorni l’anno.

    3) Abbassa le tue aspettative di comunicazione.
    E’ spesso difficile mantenere un contatto con i canoisti quando sono in giro in kayak. Che sia perché sono immersi in gole dove i cellulari non prendono, o persi per fare qualche recupero, stai sicura che ci metteranno più del previsto. Ti conviene tenere in stand-by tutti i tuoi piani per una cenetta romantica post-discesa, ed avere un piano B con qualcosa di pronto da mettere nel microonde all’ultimo minuto.

Copyright © 2017 Centro Canoa Rafting Monrosa. All rights reserved.  P.IVA 01922530025

 

Powered by: ORA - Login Admin

Back to Top